“Il Mio Nome È La Dignità”, da venerdì il nuovo singolo dei Ghost

Ghost - Foto di Alessia Caiazzo
Ghost – Foto di Alessia Caiazzo

Da venerdì 16 aprile sarà online “Il mio nome è la dignità”, nuovo singolo dei Ghost, una denuncia a favore di donne e uomini, troppe volte obbligati a soccombere sotto le violenze sociali. Dignità al centro di una rock ballad con contaminazioni rap nella quale una lista di nomi scorre e mette in scena l’esistenza delle persone danneggiate da ogni tipo di problema.

“Il brano parla della dignità, un valore intrinseco dell’esistenza umana: ogni uomo ha il dovere di rappresentarla nei principi morali e nelle azioni, ma anche il diritto di preservarla in ogni situazione. Ad esempio nel lavoro, elemento fondamentale per l’uomo, al punto da poter affermare che dove non c’è lavoro non può esserci dignità. O davanti alla violenza e alla prepotenza, meccanismi che ledono fortemente la dignità. Purtroppo l’essere umano è da sempre legato al proprio tornaconto, così quando una cosa non si può ottenere con mezzi leciti, o con il dialogo, si ricorre all’eliminazione di ciò che non ci aggrada; è un modo primitivo di agire, che millenni di evoluzione non hanno saputo trasformare in civiltà. Oggi tutto ciò è elevato all’ennesima potenza, le persone sono meno importanti delle cose che danno profitto a chi gestisce il potere politico, sociale, economico.”

Per uscire da questo ingranaggio è <<importante credere nell’amore>>, evitando di chiudersi in se stessi ma anzi avere accanto le persone giuste. <<La dignità è un diritto di tutti e va difesa con determinazione>>.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.