Maneskin: “Per Noi La Musica È Sacrale: Ora Un Pezzo Coi The Struts”

Maneskin – Foto di Gabriele Giussani

Dal Mulino Recording Studio di Acquapendente in provincia di Viterbo, i Maneskin presentano i brani del nuovo disco “Teatro D’Ira – Vol. 1” anticipato da “Vent’Anni” e “Zitti e Buoni”, vincitore del Festival di Sanremo 2021. Damiano, Victoria, Ethan e Thomas suonano dal vivo cinque brani dal nuovo lavoro – “Zitti e Buoni”, “I Wanna Be Your Slave”, “In Nome Del Padre”, “Vent’Anni” e “Coraline” – e raccontano la loro genesi.

ASCOLTA “TEATRO D’IRA – VOL. 1” DEI MANESKIN

Innanzitutto il disco è un <<contrasto tra il Teatro e l’Ira per far capire come il nostro impeto si possa trasformare in qualcosa di positivo>> cioè un’ira <<catartica>> e che <<porta a cambiare le cose>>. “I Wanna Be Your Slave” è <<un modo per descrivere con crudezza le sfaccettature della sessualità delle persone>> mentre “In Nome Del Padre” <<è il pezzo più strong, non parla di blasfemia, la musica per noi è sacrale>>. Non certamente riferita al cartone animato, “Coraline” è <<nata in una stanza d’albergo>> ed è una situazione di vita reale metaforizzata e messa in musica, <<una favola che finisce male>>.

In “Teatro D’Ira – Vol. 1” si passa da arpeggiati <<stile carillon>> di “Paura Del Buio” fino alla musicalità ancestrale di “Lividi Sui Gomiti”. Parlando della nuova versione di “Zitti e Buoni” riscritta per l’Eurovision, affermano che <<cambiare il testo non ci ha fatto piacere ma c’è un regolamento da rispettare>>.
<<Nasciamo live e moriremo live>> afferma Ethan e ricorda <<siamo partiti da Via del Corso>> suonando come buskers. <<Cresciuti con la musica rock e siamo liberi>> dichiara Victoria mentre i quattro romani annunciano di esser stati contattati dai The Struts e faranno <<un pezzo insieme e saremo in tour con loro>>.
I Maneskin così si consacrano come un <<progetto valido anche per l’estero>>.

“TEATRO D’IRA – VOL. 1” – TRACCIA PER TRACCIA

Saranno 11 le date del tour di “Teatro D’Ira – Vol.1” che si aprirà a dicembre a Roma e si concluderà all’Arena di Verona nell’aprile 2022, un luogo culto a cui <<è difficile dire di no>>.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.