Queercheck, il clubbing arriva in diretta streaming

Nasce, dalla Mobilitazione Creativa IED per l’Italia, un nuovo format di live streaming a supporto del clubbing milanese. Debutto il 21 novembre con Queercheck: 5 ore di diretta streaming da Base Milano come spin off di Linecheck, in collaborazione con la piattaforma internazionale United We Stream – http://unitedwestream.it/

Queercheck è il primo appuntamento di un nuovo format sperimentale di eventi in streaming che coinvolge in maniera inedita dj e performer, con l’intento di portare – proprio attraverso il clubbing – anche pensiero, valori, contenuti. Sabato 21 novembre dalle 20 alle 01 con il coinvolgimento di creatori, dj e performer: Plastic con Club Domani, Toilet Club, Q21, B Ballroom e Stefano Protopapa.

Lo spunto per il progetto nasce dalla dj milanese Missin Red (Federica Zamboni) che, tra tanti, ha risposto alla Mobilitazione creativa IED per l’Italia: una call for proposal lanciata dall’Istituto Eu-ropeo di Design durante il primo lockdown per supportare progetti in grado di sostenere il Paese nel grande cambiamento sociale in atto e non smettere di innovare. Nel corso dei mesi passati l’idea è stata sviluppata con il contributo di IED Milano, che ha attivato un Progetto Speciale ad hoc coinvolgendo studenti, docenti e alunni dei corsi di Media Design, Sound Design, Video Design, Fashion Styling & Communication e Fashion Marketing per la definizione del format e la produzione di un evento basato su di esso.

Le donazioni raccolte durante la diretta del 21 novembre andranno ad alimentare il fondo di Music Innovation Hub COVID-19 Sosteniamo la Musica, promosso da FIMI e attivato a sostegno della filiera musicale italiana per affrontare l’emergenza.

Il coinvolgimento dei giovani progettisti IED insieme ad alcuni ex studenti e docenti nel progetto Queercheck ha investito il design del format e gli aspetti di comunicazione, di styling e di social engagement dell’evento (con il coordinamento di Jacopo Bedussi), con l’obiettivo di creare uno sguardo nuovo sui live.

A coordinare il team di studenti anche i docenti della Scuola di Arti Visive IED Milano Paolo Solcia, Vincenzo Fabiano e Michele Manghi. Quest’ultimo – docente di Progettazione dei Sistemi In-terattivi al Corso Triennale di Media Design – precisa:

“L’obiettivo è stato anche quello di far comprendere agli studenti come il designer – in quanto attento conoscitore dei processi nel loro insieme (quindi delle piattaforme, dei dispositivi, delle opportunità e dei limiti tecnici del contesto) – sia anche la figura che è in grado di coordinare una produzione audio-video, stimolare l’apporto dei singoli professionisti coinvolti e incanalare il tutto verso soluzioni progettuali inedite, che siano percorribili nel budget e nel quadro generale dell’iniziativa.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.