“Pink Floyd. Delicate Sound Of Thunder” nei cinema a ottobre

Arriva nei cinema di tutto il mondo dal 19 al 21 ottobre “Pink Floyd. Delicate Sound Of Thunder”, girato nell’agosto 1988 al Nassau Coliseum di Long Island a New York (elenco sale a breve disponibile su nexodigital.it e www.DelicateSoundOfThunder.com, prevendite aperte a partire dal 27 agosto).

Il 1987 rappresentò per i Pink Floyd un anno di rinascita trionfale. La leggendaria band britannica, formatasi nel 1967, aveva subito la perdita di due co-fondatori: il tastierista e cantante Richard Wright, che se ne andò dopo “The Wall” nel 1979, e il bassista e compositore Roger Waters, che aveva lasciato il gruppo nel 1985, subito dopo l’album del 1983, “The Final Cut”.

La sfida fu quindi rilanciata dal chitarrista e cantante David Gilmour e dal batterista Nick Mason, che diedero vita all’album multiplatino “A Momentary Lapse Of Reason”, un successo assoluto nelle classifiche mondiali che vide anche il ritorno di Richard Wright: il tour accolse più di 4,2 milioni di fan in 2 anni.

Diretto da Wayne Isham e nominato ai Grammy, “Pink Floyd. Delicate Sound Of Thunder”, digitalizzato in 4ke rimontato dalla pellicola originale del leggendario tour “A Momentary Laps Of Reason”, con audio rimasterizzato in Dolby Atmos, arriva per la prima volta nelle sale di tutto il mondo. La versione restaurata del film concerto (2020) è realizzata a partire da oltre 100 bobine di negativi originali in 35 mm, accuratamente restaurati e digitalizzati in 4K e completamente rielaborati e aggiornati da Benny Trickett, sotto la direzione creativa di Aubrey Powell/Hipgnosis. Il suono è stato completamente remixato dai nastri multitraccia originali dallo storico ingegnere del suono dei Pink Floyd Andy Jackson con David Gilmour, assistito da Damon Iddins.

La scaletta bilancia con attenzione il nuovo materiale e i classici dei Pink Floyd, incluse quattro canzoni da “The Dark Side of the Moon” (“Time”, “On the Run”, “The Great Gig in the Sky” e “Us and Them”), l’inno “Wish You Were Here” poi “Comfortably Numb” e “Run Like Hell” da “The Wall”. Da “A Momentary Lapse of Reason” ecco “Signs of Life”, il potente “Learning to Fly” e il lirico “On the Turning Away”.

Sul palco coi Pink Floyd: Jon Carin (tastiere, voce), Tim Renwick (chitarra, voce), Guy Pratt (basso, voce), Gary Wallis (percussioni), Scott Page (sassofoni, chitarra), Margret Taylor (Cori), Rachel Fury (Cori) e Durga McBroom (Cori).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.