Martin Birch (producer di Iron Maiden, Deep Purple) è morto a 71 anni

Il produttore e tecnico del suono britannico Martin Birch è scomparso all’età di 71 anni: ha lavorato con gruppi storici del rock come Deep Purple, Iron Maiden, Whitesnake, Fleetwood Mac e Black Sabbath.

Inizia la sua carriera come producer dei Fleetwood Mac con i quali è producer dei primi 5 album (“Then Play On”, “Kiln House”, “Bare Trees”, “Penguin” e “Mystery To Me”) poi continua con i Deep Purple tra il ’69 e il ’77 (tra cui “Deep Purple In Rock”, “Fireball”, “Machine head” “Made in Japan”, “Burn” fino a “Last Concert in Japan”), con i Rainbow di Ritchie Blackmore e i Whitesnake tra i ’70 e gli ’80, poi con i Black Sabbath (“Heaven And Hell” e “Mob Rules”) e trova casa nel metal degli Iron Maiden producendoli tra l’81 e il ’92, da “Killers” a “Fear Of The Dark”.

Tra le sue produzioni anche “Beck-Ola” di Jeff Beck, “Long Player” dei Faces ma anche al lavoro per Blue Oyster Cult e Wishbone Ash.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.