Meeting Del Mare 2020 con Colapesce Dimartino, Psicologi, Fulminacci

Arriva dal 22 al 24 agosto la nuova edizione del Meeting Del Mare a Marina di Camerota (Salerno), festival ideato e diretto da Don Gianni Citro che vedrà tra gli ospiti Psicologi, Colapesce e Dimartino, Fulminacci e altri.

Diversità è il tema di questa XXIV edizione che proporrà come sempre nell’area porto della cittadina cilentana – sulle terrazze del molo grande – concerti, danza, mostre, azioni teatrali, incontri d’autore e performance artistiche rigorosamente ad accesso gratuito, rispettando la normativa anti-covid vigente.

Ad inaugurare la rassegna il 22 agosto saranno gli Psicologi, seguiti il giorno seguente da “I Mortali” di Colapesce e Dimartino. Il 24 tocca a Fulminacci, fresco vincitore della Targa Tenco con “La Vita Veramente”.

Spazio anche ai concerti al tramonto dell’Orchestra Elettroacustica Officine Arti Soniche (il 22 agosto) e del compositore Luigi Gargano (il 23), oltre alle esibizioni di artisti emergenti e nuove realtà della scena underground. In cartellone i live di Guido MX, Jeordie, Lost Dogz, Mezzometro, Segni Distintivi, Squonk, Tomh, Wuelu Music (il 22 agosto). A Smile From GodzillaBlindurDileoGranatoVolosumarteWill B (il 23 agosto). Alice RobberBifI dolori del giovane Walter, Le Cose Importanti, Marco Bruno e Namarà, Martino AdrianiVeronica (il 24 agosto).

Don Gianni Citro dichiara:

“Ci sono due ragioni che rendono urgente e indispensabile un evento come questo. Una è la grande sete di musica e di incontro che artisti e pubblico stanno manifestando. Il covid ci ha costretti a interrompere il contatto e questo ci ha resi più poveri e soli. Il meeting del mare ci vuole restituire un po’ di energia positiva e di riconciliazione col mondo degli abbracci. Altra ragione è il dilagare di odio razziale e omofobo. Si registra un ritardo preoccupante sui temi della diversità e certe lacune rischiano di diventare incolmabili. Facciamo danno all’essere umano, alla civile convivenza e al progresso vero. Un festival sulla diversità forse farà arrabbiare ancora qualcuno ma richiamerà, ad alta voce, la necessità per tutti di rispettare la dignità e la libertà di ogni altro”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.