Site icon End Of a Century

Chi sarà l’ultimo headliner di Firenze Rocks 2019?

Dopo Tool, Ed Sheeran e The Cure chi sarà il quarto headliner del Firenze Rocks 2019?

Firenze Rocks arriva alla sua terza edizione nel 2019 e andrà in scena da giovedì 13 a domenica 16 giugno. Dopo le prime due edizioni che hanno visto mostri sacri della musica come Eddie Vedder, Aerosmith, Foo Fighters, Iron Maiden, Ozzy Osbourne e altri, per il prossimo anno il festival toscano si conferma ancora come un appuntamento fisso dell’estate con ben tre nomi su quattro annunciati: i Tool (13 giugno) che torneranno in Italia a 12 anni di distanza dalla loro ultima esibizione all’Indipendent Days Festival del 2007, Ed Sheeran (14 giugno) che sarà in concerto anche negli stadi di Roma e Milano e The Cure (16 giugno) che chiuderanno il Firenze Rocks con la reprise del tour dei 40 anni. E sabato 15 giugno?
Inizialmente era nell’aria la possibilità che Bon Jovi arrivasse a Firenze dopo l’induzione nella Rock & Roll Hall Of Fame, idea svanita con l’annuncio del tour europeo senza alcuna data italiana.

Andiamo ad esaminare chi e perché potrebbe arrivare al Firenze Rocks nella giornata di sabato 15 giugno e così chiudere lo slot degli headliner.

Imagine Dragons

A settembre hanno chiamato a raccolta oltre 60.000 spettatori al Milano Rocks (come vi raccontiamo qui) e a un anno da “Evolve” la band di Dan Reynolds è pronta a tornare in tour per presentare il nuovo disco “Origins”.
Per noi sono uno dei nomi più caldi e possibili.

Bruce Springsteen

Il Boss è una figura sempre molto richiesta in Italia. Da dicembre 2017 e fino a dicembre 2018 è in scena a Broadway con il suo spettacolo “Springsteen On Broadway” presto suu CD e su Netflix e potrebbe essere una bella sorpresa rivederlo in Italia nel 2019 a tre anni di distanza dalle esibizioni di San Siro e Circo Massimo, stavolta senza la E Street Band. Sappiamo che si tratta di un artista che in Italia è sempre arrivato grazie a Barley Arts ma non si sa mai…

Red Hot Chili Peppers

La band di Anthony Kiedis pubblicherà il nuovo album di inediti nel 2019, a tre anni dal precedente “The Getaway” del 2016. Dopo la recente apparizione in una scuola elementare, i quattro californiani si preparano ad annunciare nuovo album e relativo tour che, senza ombra di dubbio, li vedrà tornare sui palchi italiani.

Paul McCartney

Il baronetto è uno degli artisti più amati di sempre e manca dall’Italia dal 2013. Dopo aver pubblicato “Egypt Station”, l’ex Beatle è attualmente in giro con il “Freshen Up Tour” che ad oggi non ha ancora annunciato date italiane. 

Oasis

La reunion tra Noel e Liam Gallagher non è certo lontana. Voci di corridoio sussurrano che nel 2019 gli Oasis torneranno insieme per un vero e proprio reunion tour che potrebbe toccare l’Italia nel super festival di Live Nation. Per ora è solo un grande sogno ma ogni tanto lo sappiamo anche noi, i sogni si avverano.

Vasco Rossi

Vasco potrebbe farci una sorpresa  ed essere il primo headliner italiano del Firenze Rocks 2019. Solo il Komandante può essere l’uomo in grado di riempire la Visarno Arena. Vasco sarà in concerto la prossima estate in Sardegna e a Milano e sia mai che ci scappi una volata in Toscana…

Madonna

La regina del pop, che ha da poco compiuto 60 anni, pubblicherà il seguito di “Rebel Heart” nel 2019. Più probabile pensare a una o più date negli stadi italiani (come Milano e Roma) ma non è da escludere anche la presenza a Firenze visto l’amore della Ciccone per la Toscana. Staremo a vedere.

Arctic Monkeys

Dopo la data al Forum di Milano e la doppietta romana all’Auditorium (ve la raccontiamo qui), gli Arctic Monkeys ci hanno lasciato l’amaro in bocca e potrebbero soddisfare le nostre voglie con un altro, grande concerto a Firenze. Voi che ne dite?

The Smashing Pumpkins

È uno dei nomi più probabili a salire sul palco il 15 giugno. Billy Corgan e compagni, riuniti tutti insieme dopo 18 anni, dopo il breve tour europeo nei palazzetti che li ha visti a Bologna, pubblicheranno il nuovo album “Shiny And oh So Bright, Vol. 1/ LP. No Past. No Future. No Sun.” a novembre e poi sono pronti a cavalcare il Vecchio Continente nuovamente stavolta per un enorme tour estivo.

Depeche Mode

Dave Gahan e compagni sono una garanzia ma non è probabile che siano in tour nuovamente nel 2019 considerata la recente fine del “Global Spirit Tour”. Sia mai che facciano una bella sorpresa a tutta Italia.

Eminem

Un altro dei più probabili nome è Marshall Mathers, arrivato per la prima volta in Italia a luglio 2018 per presentare il suo “Revival” di fronte a oltre 70.000 persone potrebbe prenderci la mano e tornare per suonare i brani del nuovissimo “Kamikaze”. Noi ci puntiamo forte!

Maroon 5/Justin Timberlake

Un’altra scommessa. Sono due dei nomi forti del pop e mancano dall’Italia da qualche anno. I Maroon 5, che quasi sicuramente saranno i protagonisti dell’Half Time Show del Superbowl, sono in tour con “Red Pill Blues” che guarda caso tornerà in Europa proprio a giugno 2019. Justin Timberlake potrebbe tornare in Europa in primavera/estate con il suo “Man Of The Woods”.

U2

Quattro date al Mediolanum Forum di Milano in ottobre per “Experience and Innocence Tour” degli U2 (vi raccontiamo qui la seconda data) per un tour appositamente studiato per la dimensione dei palazzetti che si concluderà il 13 novembre a Berlino. I quattro irlandesi saranno ancora in giro nel 2019 con un nuovo tour? Noi ovviamente ce lo auguriamo.

Ariana Grande

Altra nostra scommessa. La giovane popstar ha da poco pubblicato “Thank U, Next”, primo singolo che anticipa l’uscita del nuovo disco, seguito di “Sweetener” pubblicato quest’anno. Ok, è un azzardo ma a noi piace scommettere sul futuro!

Nine Inch Nails

Trent Reznor e compagni sono attualmente in tour fino a dicembre negli States in attesa di annunciare le date dei live 2019. Riuscirà il grande palco del Firenze Rocks a ospitare una band storica ma di nicchia come i Nine Inch Nails? Oppure è più probabile vederli magari all’I-Days?

Rammstein

Molto improbabile la presenza dei tedeschi al festival nonostante il loro giorno libero sabato 15 giugno. Infatti i Rammstein suoneranno il 12 e 13 a Dresda e il 16 a Rostock. Ma la speranza è sempre l’ultima a morire.

Exit mobile version