Sponz Fest: la conferenza stampa dell’edizione 2018

Conferenza stampa Sponf Fest 2018 con Vinicio Capossela presso la Società Dante Alighieri, Roma

Sponz Fest, festival ideato e diretto da Vinicio Capossela si svolgerà quest’anno dal 21 al 26 agosto a Calitri e in Alta Irpinia con un’anticipazione il 19 agosto. Si è svolta nella mattinata di lunedì 30 luglio la conferenza stampa di presentazione della manifestazione il cui titolo è “Salvagg’ – Salvataggi dalla mansuetudine”. Sono intervenuti presso la Società Dante Alighieri di Roma, il Direttore Artistico dello Sponz Fest Vinicio Capossela, il Direttore Organizzativo del festival Franco Bassi, il Presidente dell’Associazione Sponziamoci Michele Maffucci, la curatrice della Libera Università per Ripetenti Rita La Bruna, la rappresentante della sezione Sponzarti Daniela De Angelis e la coordinatrice delle attività del popolo Mapuche Sara Chiostergi Picchio.

PROGRAMMA SPONZ FEST – DAL 21 AL 26 AGOSTO

 

Dopo lo spot iniziale di presentazione dell’edizione 2018 di Sponz Fest, la parola al Direttore Artistico Vinicio Capossela:

“Lo Sponz Fest è una rassegna umile, deriva appunto da ‘humus’, terra e riprende così il tema del salvaggio , dalla selva. La parola ‘salvagg’ evidenzia la connessione con la natura del posto (Alta Irpinia). ‘Sponz’ vuol dire assorbire, assorbire dalla terra, e fa riferimento alla festa. Questo ‘festival’, più che un festival è una festa, è un rito in cui si perde la singolarità e diventa pluralità. Perché una settimana? Chiaro riferimento alla creazione del mondo. Il festival poi più in generale è di chi ci viene, di chi lo vive ed è un’occasione di percorrere e vivere il paesaggio. Ritrovo con sapienti, ci sono laboratori per bambini – poi continua – È un festival di argomenti, con nomi più o meno conosciuti: Angelo Branduardi si sottoporrà a una modifica musicale per il territorio e si relazionerà con musica antica; ci sarà Teho Teardo, musicista e compositore, con “Music For Wilder Mann”; il percussionista Alfio Antico; ci sarà poi la musica da ballo, ospiti anche I Corvi. Poi la notte finale – grazie a Enzo Tenore – con allestimento nell’arena della cupa. Il festival finisce così la domenica con ben tre appuntamenti a Lacedonia, Villamaina e Sant’Angelo dei Lombardi con un requiem per animali immaginari (i cosiddetti fantasmi), un congedo tra mondo umano e bestiale, offrendo spunti di riflessione”.

Lo Sponz si apre anche alle arti, alle culture e al teatro, così come affermato dalla rappresentante della sezione Sponzarti Daniela De Angelis e dalla curatrice della Libera Università per Ripetenti Rita La Bruna. Presentate alla conferenza anche bandiere e rappresentazioni della comunità indigena cilena Mapuche. Il primo incontro con la comunità sudamericana avverrà durante la prima serata dello Sponz Fest, nella quale verrà celebrato anche Antonio Infantino, musicista scomparso a gennaio 2018 già ospite della rassegna dell’Alta Irpinia. 

“Lo Sponz si deve vivere – conclude il Presidente dell’Associazione Sponziamoci Michele Maffucci – quest’anno il tema è quello del salvataggio più che del selvaggio (dalla circolare di Gabrielli sulla sicurezza).”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.